lunedì 2 settembre 2013

Girandole sui balconi



               


     MAURIZIO GRASSO 












 "Ma un libro non porta rancore come una donna tradita. Quando torni a cercarlo  ti accoglie sempre a 
       a  pagine aperte .
       I libri gli erano più fedeli dei suoi fedelissimi .  "

       " Dal momento in cui si ritrovarono non si persero più di vista . "
     
       " Fu il momento in cui il libro si accorse che s'era creato un enorme vuoto accanto a Ignazio e se lo        
        riprese ".




     "   L' uomo del respiro, non si augura mai che il tempo scorra inutilmente , 
        neanche quando la sorte rema     contro . 
        Vive, appunto col ritmo del proprio  respiro .  "





Girandole sui balconi .



"Perfino questo sembra voler significare qualcosa",si dice Francesco , ed è una delle ultime cose che ha avuto il tempo di dirsi. 



 E' un libro avvincente , molto profondo , introspettivo .
Ogni pagina è ricca di significato e spunti di riflessione .
Al contempo è scorrevole , si fa leggere volentieri e dopo un po' ti coinvolge pienamente .
Senza quasi accorgertene ti affezioni ai personaggi.
credo di poter dire che è un libro che merita di essere letto .




 Ad una come me che cerca sempre la profondità anche dove non ha ragione d'esistere, non poteva non piacere . Ciò non significa che non apprezzi la leggerezza o le battute di spirito anzi, basta che vi sia però un minimo di buon senso .

 Tornando al libro , ho apprezzato il finale , ( non capita spesso) , un po' alla Pirandello , quel dubbio che le due donne non osano chiarirsi...fa pensare che forse non è come sembrava potesse essere .

 Dall'uscita di scena di Francesco , del nuovo Francesco , per assurdo, inizia secondo me la parte migliore della storia , da lì in poi ho avuto una sensazione che non riuscivo a spiegarmi , si "respira un'aria nuova" , le due protagoniste mutano, danno il meglio di loro stesse. Iniziano una nuova vita e così anche il libro stesso.

 Ignazio Dimmisi un personaggio un po' complesso ma alla fine lo si riesce a capire . Di lui mi è piaciuta la citazione dell' uomo del respiro ...
Il commissario mi fa un po' tenerezza quando esce dal ruolo di poliziotto.
 E' stata una lettura dall'effetto rilassante , nonostante gli argomenti trattati . 

Nessun commento:

Posta un commento

rispondi